Zona Franca Sardegna

(Comuni colpiti dall’alluvione del 18 e 19 novembre 2013)

Avviso

Con la Circolare direttoriale 21 aprile 2020, n. 117331 è stato prorogato il termine per la presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni fino alle ore 12:00 del 16 giugno 2020. Il medesimo provvedimento estende la richiesta di accreditamento prevista per i soggetti istanti amministrati da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, fino alle ore 10:00 del 4 giugno 2020.

Con la circolare ministeriale 5 febbraio 2020, n. 30711 sono stati stabiliti modalità e termini di presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni in favore delle piccole e micro imprese localizzate nella zona franca istituita, ai sensi dell’articolo 13-bis del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, nei comuni della regione Sardegna colpiti dall'alluvione del 18-19 novembre 2013 per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri del 19 novembre 2013, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 274 del 22 novembre 2013.

A chi è rivolta la misura

L’intervento agevolativo è rivolto alle imprese di micro e piccola dimensione ubicate all’interno della zona franca, che hanno subito danni in conseguenza degli eventi metereologici del novembre 2013, censite nell’allegato n. 4 della relazione di ricognizione dei fabbisogni relativi al patrimonio pubblico, privato e alle attività produttive dell’Ufficio del Commissario delegato e consiste nel riconoscimento di un contributo in conto capitale, fruibile mediante compensazione tramite modello F24.

Per la concessione delle agevolazioni, riconosciute ai sensi e nei limiti del regolamento de minimis 1407/2013, sono disponibili 4.900.000,00 di euro, al netto degli oneri per la gestione dell’intervento.

 

Perimetro della zona franca urbana

La zona franca, così come perimetrata dall’articolo 3 del decreto interministeriale 7 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 21 maggio 2018, n. 116, comprende l’intero territorio dei comuni della Regione colpiti dall’alluvione del 18-19 novembre 2013 per il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri del 19 novembre 2013, individuati nella tabella A allegata all’ordinanza del Commissario delegato per l’emergenza n. 16 del 10 dicembre 2013, così come integrata dalle ordinanze del medesimo Commissario numeri 17 e 18 del 12 dicembre 2013, n. 22 del 23 gennaio 2014 e n. 25 del 25 febbraio 2014 e successive modificazioni e integrazioni.

Di seguito, l’elenco dei Comuni compresi nella zona franca.

Tabella A – Allegata all'Ordinanza n. 16 del 10/02/13 come modificata dalle Ordinanze n. 17-18 del 12/12/13, n. 22 del 23/01/14 e n. 25 del 25/02/14
Provincia Comuni

Sud Sardegna

Armungia*, Ballao*, Decimoputzu*, Escalaplano*, Esterzili*, Ortacesus*, Sadali*, Seulo*, Siliqua*, Vallermosa*, Villaputzu*, Villasalto*, Villasor*, Villaspeciosa*, Collinas*, Gonnosfanadiga*, Pabillonis*, Samassi*, San Gavino Monreale*, Sanluri*, Sardara*, Serramanna*, Villacidro*, Villanovafranca*, Seui*.

Nuoro

Bitti, Desulo, Dorgali, Galtellì, Irgoli, Loculi, Lodè, Lula, Macomer, Nuoro, Oliena, Onanì, Onifai, Orgosolo, Orosei, Orune, Osidda, Posada, Siniscola, Torpè, Arzana*, Gairo*, Jerzu*, Talana*, Urzulei*, Ussassai*, Villagrande Strisaili*.

Oristano

Arborea, Bauladu, Gonnoscodina, Gonnostramatza, Marrubiu, Masullas, Mogoro, Morgongiori, Ollastra, Oristano, Palmas Arborea, S. Nicolò d’Arcidano, Simaxis, Siris, Solarussa, Terralba, Uras, Usellus, Villaurbana.

Sassari

Alà dei Sardi*, Arzachena*, Berchidda*, Buddusò*, Budoni*, Loiri Porto San Paolo*, Monti*, Olbia*, Padru*, Sant'Antonio di Gallura*, Telti*.

* Comune per cui la provincia è stata variata a seguito della legge regionale del 4 febbraio 2016, n.2 sul riordino del sistema delle autonomie locali.

 

Presentazione delle domande

I criteri di accesso, le modalità e i termini di presentazione delle domande sono riportati nella predetta circolare ministeriale. In allegato alla stessa, è altresì riportato il modello di istanza di accesso alle agevolazioni.

Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate esclusivamente tramite procedura informatica all'indirizzo agevolazionidgiai.invitalia.it dalle ore 12:00 del 17 marzo 2020 e fino alle ore 12:00 del 21 aprile 2020. Il termine finale di presentazione è stato posticipato alle ore 12:00 del 16 giugno 2020.

Per i soggetti amministrati da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, l’accesso alla procedura informatica può avvenire solo previo accreditamento degli stessi e previa verifica dei poteri di firma del legale rappresentante, secondo le modalità ed entro i termini indicati al paragrafo 7 della richiamata circolare.

 

Procedura di accreditamento per imprese amministrate da persone giuridiche

I soggetti proponenti amministrati da una o più persone giuridiche o da enti diversi dalle persone fisiche, ai fini dell’accreditamento alla procedura informatica (agevolazionidgiai.invitalia.it) per la presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni devono inviare il presente modulo, opportunamente compilato e firmato digitalmente, a partire dalle 12.00 del 9 marzo 2020 ed entro le ore 12.00 del 3 aprile 2020, inviando una PEC all’indirizzo zfu@pec.mise.gov.it .

Il termine finale di presentazione è stato posticipato alle ore 10:00 del 4 giugno 2020.

Nell’inoltro del modulo, è necessario inserire, come oggetto della PEC, il seguente testo: “ZFU Regione Sardegna - Richiesta di accreditamento alla procedura informatica” seguito dal codice fiscale del soggetto istante e dalla sua denominazione”.

 

Normativa

 

 

Informazioni e contatti

Direzione generale per gli incentivi alle imprese

Divisione X - Interventi per il sostegno all’internazionalizzazione e all’innovazione delle imprese e per lo sviluppo di aree urbane

e-mail: info.zfu@mise.gov.it 

Esclusivamente per supporto tecnico alla compilazione dell'istanza di accesso alle agevolazioni: e-mail: zfu.istanzedgiai@mise.gov.it 

numero telefono: 06 64892998

Alle richieste di chiarimenti pervenute viene data risposta cumulativa con lista di FAQ (domande frequenti).

Attenzione: al fine di assicurare agli utenti la ricezione delle risposte ai quesiti, si prega di inviare le richieste tramite mail e di evitare l’utilizzo di PEC.

 

Risposte alle domande frequenti (FAQ)

 

Ultimo aggiornamento: 9 marzo 2020



Questa pagina ti è stata utile?

NO