Verbale di incontro - Italtel (23 giugno 2020)

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Italtel S.p.A.
Addetti: 1000 in Italia
Settore: TLC
Data: 23 giugno 2020

Il 23 giugno 2020 si è svolta in modalità video e call conference la riunione riguardante il la società Italtel S.p.A. L’incontro era presieduto dal Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico Mirella Luizzi e dal Vice Capo di Gabinetto del MiSE Giorgio Sorial, hanno partecipato Stefano D’Addona della segreteria del sottosegretario Alessandra Todde del MiSE, Chiara Cherubini del MiSE, l’Assessore al Lavoro Melania Rizzoli e Carlo Bianchessi della Regione Lombardia, Giulia Sforza e Giacomo Ranieri della Regione Lazio, Angelo Di Franco dirigente del Servizio VIII- Servizio Centro per l'Impiego di Agrigento della Regione Sicilia, Cristiana Portale Relazioni Istituzionali e Andrea Nannicini di SACE, Domenico Favuzzi Amministratore Delegato e Gianfranco Minervini di Exprivia, Stefano Pileri di Italtel e le Segreterie Nazionali e Territoriali di Fim-Cisl, Fiom Cgil, Uilm-Uilm e Ugl metalmeccanici, unitamente alle Rsu.

In apertura di incontro l’ing. Sorial ha ricordato che il Ministero dello Sviluppo Economico ha avuto varie interlocuzioni nei mesi scorsi con la società che aveva manifestato le difficoltà finanziarie che l’hanno poi indotta a chiedere il concordato preventivo ex art. 161al Tribunale di Milano lo scorso 6 aprile. Ha poi dato la parola all’azienda per gli aggiornamenti.

L’ing. Pileri ha segnalato che c’è una interlocuzione costruttiva con il Tribunale di Milano che ha fissato in 120 giorni il termine per la presentazione della domanda definitiva di concordato preventivo o di una domanda di omologa di accordi di ristrutturazione dei debiti.

Ha inoltre comunicato che il gruppo finanziario internazionale Pillarstone ha acquistato una parte del credito della società.

Sono in corso offerte di accordi per la ristrutturazione dei debiti e, inoltre, sono in corso verifiche nei confronti di eventuali investitori interessati all’acquisizione.

Il dott. Favuzzi ha dichiarato che già a partire dalla seconda parte del 2019 l’azionista ha attivato diverse azioni per trovare una soluzione ai problemi finanziari della società e ha fatto proposte di accordo verso i creditori. Rispetto all’ultima proposta nei confronti degli istituti di credito di una ricapitalizzazione da parte del socio di maggioranza, finalizzata ad una fusione tra le due società da attuarsi nei 18 mesi successivi, è stata richiesta una risposta entro il 30 giugno p.v. e ne è stata inviata comunicazione anche alla società Pillarstone.

Le Organizzazioni Sindacali hanno espresso preoccupazione per l’incertezza circa il futuro dell’azienda ed auspicato che si arrivi a soluzioni di salvaguardia dei compendi aziendali e dell’occupazione nella loro unitarietà.

Hanno chiesto il monitoraggio e l’intervento del MiSE per evitare il depauperamento degli asset e delle competenze di Italtel.

Hanno inoltre chiesto un intervento del governo per tutto il settore e per le aziende che svolgono attività strategiche per il settore, nonché una interlocuzione con Pillarstone che ha la proprietà anche di un’altra importante società del settore.

L’assessore Rizzoli e la dott.ssa Sforza hanno segnalato la presenza di tavoli di confronto rispettivamente nelle Regioni Lombardia e Lazio riguardanti la società e manifestato la disponibilità ad intervenire per evitare la disaggregazione degli asset aziendali.

L’ing. Sorial ha confermato che il governo sta studiando eventuali possibili interventi a salvaguardia dell’azienda e che verranno inoltre segnalate le richieste del tavolo di intervento governativo riguardo alle necessità specifiche del settore emerse nel corso dell’incontro, in un’ottica di coinvolgimento di tutte le istituzioni competenti, al fine di fornire risposte di prospettiva.

Il Ministero dello Sviluppo Economico rimarrà in contatto con le parti, con l’azienda e con i suoi investitori per le vie brevi prima della riconvocazione del tavolo per successivi aggiornamenti.

Il sottosegretario Liuzzi ha concluso l’incontro sottolineando l’importanza del settore e del know how delle aziende italiane che lavorano nel settore e ribadendo la disponibilità del governo a lavorare per offrire soluzioni di promozione e salvaguardia.

 

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO