Al via oggi al MISE la terza riunione della Task Force Costi e Benefici del Libero Scambio

Martedì, 20 Novembre 2018

Volto a valutare impatto dei trattati di libero scambio in fase di negoziazione o di ratifica da parte dell’Unione Europea

Immagine decorativa

Avrà luogo al MISE oggi martedì 20 novembre la terza riunione operativa della Task Force Costi e Benefici del Libero Scambio.

Istituita su iniziativa del Sottosegretario Prof. Geraci, d’intesa col Vice Presidente del Consiglio e Ministro Luigi Di Maio, la Task Force è un meccanismo di lavoro aperto al contributo di tutte le parti sociali volto a valutare, sulla sola base di numeri e fatti e senza alcun tipo di pregiudizio ideologico l'impatto dei trattati di libero scambio in fase di negoziazione o di ratifica da parte dell’Unione Europea.

Gli studi si concentreranno non soltanto sui benefici medi derivanti dagli accordi commerciali – così come spesso si fa - ma anche e soprattutto sui picchi negativi degli accordi, a protezione delle fasce sociali più deboli colpite dal processo di globalizzazione.

Il Prof. Geraci ha spesso ricordato in varie interviste come i trattati di libero scambio abbiano una natura darwiniana: se da un lato tendono, sotto certe condizioni, ad aumentare il benessere medio di un Paese, dall’altro creano grosse difficoltà alle fasce della popolazione più deboli, meno flessibili e meno adattabili al nuovo ordine del commercio mondiale.

La Task Force permetterà dunque al Governo di identificare l'approccio migliore per rendere l'Italia più competitiva nel contesto internazionale, garantendo allo stesso tempo maggior equità e giustizia sociale.

La riunione odierna si focalizzerà su una delle questioni più delicate del Trattato di Liberto Scambio col Canada (CETA), vale a dire la questione delle indicazioni geografiche italiane. In particolare la riunione esaminerà tutte le questioni relative alle regole del Trattato in materia di tutela delle IIGG e tutte le questioni in materia di monitoraggio ed implementazione nel concreto di tali regole.

La riunione illustrerà anche la nuova normativa canadese a protezione delle IIGG, un nuovo sistema di protezione offerto adesso in Canada a complemento del CETA.

L’incontro conterà sul contributo dell’Ambasciatore del Canada a Roma S.E. Alexandra Bugailiskis e di altri funzionari del governo di Ottawa, e coinvolgerà, oltre ai rappresentanti del Governo, anche le associazioni imprenditoriali e sindacali del settore agro-alimentare, nonché rappresentanti di organizzazioni non governative di difesa dei consumatori e dell’ambiente.


Questa pagina ti è stata utile?

NO