Micro e piccole e medie imprese: pubblicato il quinto rapporto di monitoraggio

Mercoledì, 23 Luglio 2014

Il Rapporto di monitoraggio delle iniziative adottate in attuazione dello Small Business Act (SBA), indicato dalla Commissione europea come esempio di “buona pratica”, giunto alla sua quinta edizione, passa in rassegna le principali azioni intraprese dal Governo al fine di sostenere l'attività economica delle micro, piccole e medie imprese.

Emerge, in particolare, il ruolo rilevante delle policy orientate al rilancio degli investimenti privati, e del sostegno all’accesso al credito per il rilancio dell’economia italiana.

Il Rapporto sottolinea come, nel corso del 2013, il Governo sia intervenuto, da una parte, a favorire l’acquisto di nuovi macchinari e impianti attraverso la “Nuova Sabatini” e, dall’altra, ad accrescere la disponibilità di credito attraverso l’utilizzo del Fondo Centrale di Garanzia, impegnandosi altresì per il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione.

Nel primo Capitolo del Rapporto è analizzato il contesto teorico nel quale sono state “pensate” e attuate le misure di promozione delle imprese con particolare riguardo agli sviluppi futuri dello SBA; il secondo Capitolo approfondisce, per ciascun principio SBA, le misure di sostegno alle imprese approvate dalle Amministrazioni centrali nel 2013. Nel terzo Capitolo sono stati realizzati focus sulla recente evoluzione dei Contratti di rete (in forte crescita, a conferma del successo di questo strumento aggregativo presso le nostre imprese, soprattutto di micro e piccole dimensioni), le nuove Srl “light”, l’imprenditoria femminile e giovanile. Il quarto Capitolo approfondisce i risultati di un’Indagine svolta dal MISE su un campione rappresentativo di 1.000 imprese di micro, piccole e medie dimensioni, in cui sono analizzati, tra gli altri, gli aspetti relativi alla recente evoluzione congiunturale, alla successione e trasmissione di impresa, alle strategie e agli obiettivi delle imprese che hanno aderito ai Contratti di rete, al grado di conoscenza delle imprese sull’attuazione dello SBA (il 26,5% del campione segnala di conoscere lo SBA, percentuale in miglioramento rispetto al passato). Il quinto Capitolo raccoglie, infine, una serie di best practices regionali.

“Il semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea - ha commentato il Ministro Guidi -, offre un’importante occasione per confrontare e mettere a punto le misure più idonee a consolidare i punti di forza delle imprese minori limitandone al contempo gli aspetti di maggior fragilità, nel contesto di un complessivo rafforzamento della politica industriale”. “Siamo consapevoli - ha proseguito il Ministro - del ruolo propulsivo nel contesto dell’economia del nostro continente che le PMI  rivestono, contribuendo al 67,4% dei posti di lavoro e per oltre il 58 % al valore aggiunto. Vogliamo rendere le imprese, anche quelle minori, protagoniste del nuovo Rinascimento  industriale nel Paese ed in Europa.

Per maggiori informazioni

Rapporto SBA 2014




Questa pagina ti è stata utile?

NO