Export, Calenda: Fondamentale il ruolo delle PMI

Roma, 30 maggio 2013-  “Il nuovo approccio dell’OCSE sugli indicatori commerciali può aiutare ciascun Paese a personalizzare meglio le proprie politiche di commercio bilaterale e di promozione. – ha sottolineato oggi il Vice Ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda durante il suo intervento alla Riunione del Consiglio Ministeriale OCSE di Parigi - Sia gli accordi multilaterali che quelli bilaterali devono mirare a una forte convergenza degli standard e dei requisiti di certificazione e allo smantellamento delle barriere non tariffarie.

I meccanismi di difesa al commercio e gli altri strumenti inclusi negli accordi bilaterali o regionali, come ad esempio le indicazioni di origine - ha detto inoltre Calenda - sono una componente cruciale di un ambiente di business globale equilibrato.

Il dinamismo contenuto nel nuovo approccio OCSE ci suggerisce di prestare la più grande attenzione alle Piccole e Medie Imprese, che giocano un ruolo fondamentale nelle esportazioni di molti Paesi, e anche nelle dinamiche dell’innovazione legate ai luoghi in cui avvengono i processi di produzione.

Per questa serie di ragioni - ha concluso il Vice Ministro- i nuovi indicatori contribuiranno ad aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo: il 20 per cento di PIL prodotto dall’industria manifatturiera, entro il 2020, in Europa. Una maggiore attenzione al settore manifatturiero è cruciale per la ripresa economica e per fare nascere i nuovi posti di lavoro di cui i nostri Paesi hanno bisogno”.



Questa pagina ti è stata utile?

NO