Verbale di riunione - Condotte D’Acqua

Documento: Verbale di riunione
Azienda: Condotte D’Acqua S.p.A.
Occupati: 3000
Settore: Edilizia
Data: 22 maggio 2018

Il 22 maggio 2018 si è svolto presso il Ministero dello Sviluppo Economico l’incontro riguardante lo stato di crisi del Gruppo Condotte D’Acqua S.p.A. L’incontro era presieduto da Giampietro Castano responsabile della Struttura per la crisi di impresa del Ministero dello Sviluppo Economico. Erano presenti Chiara Cherubini del Ministero dello Sviluppo Economico, l’Amministratore Delegato della società Giuseppe Di Giovine e il Responsabile HR Ugo Berardi, assistiti dall’avvocato Rosario Salonia, Pierluigi Francavilla e Antonio Picca di Federmanager. Erano inoltre presenti le delegazioni nazionali e territoriali di FILLEA-CGIL, FILCA-CISL, FENEAL-UIL.

Il Dott. Di Giovine ha spiegato che l’azienda è in attesa dell’autorizzazione del Tribunale della NewCo di recente costituzione e della proroga che è stata richiesta di 60 giorni rispetto alla deadline per la presentazione del piano concordatario. La proroga è stata richiesta motivandola con lo stato avanzato delle trattative con il Fondo che dovrebbe offrire la finanza ponte utile ad affrontare la difficile crisi finanziaria. La NewCo che assorbirà tutte le commesse operative e consolidate dall’azienda, le attività della società consortili e tutti gli occupati attuali in continuità.

Le OO.SS hanno espresso preoccupazione per la mancanza di informazioni chiare sulle prospettive dell’azienda, in assenza di un piano industriale e in assenza di certezza sulle operazioni in atto e sul perimetro aziendale che sarà coinvolto da queste ultime, nonchè sulle possibili ripercussioni sui livelli occupazionali. Hanno pertanto chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico di mantenere aperto il tavolo di monitoraggio permanente.

Il Dott. Castano ha concluso la riunione evidenziando una stato di incertezza generale che emerge in attesa dell’autorizzazione del Tribunale rispetto alla costituzione della NewCo e quindi alla continuità di tutto il perimetro aziendale attuale di Condotte, anche rispetto a quelli che saranno gli sviluppi futuri delle varie attività aziendali e dei profili occupazionali che da esse dipendono, ha quindi sottolineato la necessità di conoscere il piano industriale ed occupazionale dell’azienda e della nuova società costituita nel più breve tempo possibile. Il tavolo di confronto tra le parti di riunirà entro poche settimane per monitorare da vicino i prossimi sviluppi.



Questa pagina ti è stata utile?

NO