alto contrasto RSS
Testata MSE
Salta alla sezione successiva
Salta alla sezione successiva

IMPRESA E INTERNAZIONALIZZAZIONE


Small Business Act

Facebook PDF Versione stampabile E-mail

small bisness actCon la pubblicazione nel giugno 2008 dello Small Business Act (SBA) da parte della Commissione Europea, si sono gettate le basi per l’inizio di un percorso volto alla creazione di un ambiente economico focalizzato sulle piccole e medie imprese, secondo lo slogan “Pensare anzitutto in piccolo”.

Con lo Small Business Act si è recepito un cambiamento di rotta nelle politiche di sostegno alle imprese, passando da interventi di tipo “generalizzato”, ossia orientati alla generica accumulazione di capitale privato e/o a scarsa specializzazione e selettività, a politiche maggiormente orientate verso il sostegno alla ricerca, lo sviluppo e l’innovazione e alla fornitura di servizi reali alle imprese (obiettivi di tipo orizzontale).

Lo scorso 4 maggio, il Governo italiano ha approvato la Direttiva di attuazione dello SBA, che ha previsto, tra le altre cose, il monitoraggio continuo delle politiche messe in campo a sostegno delle PMI e la predisposizione di una Legge annuale per le piccole imprese; in particolare la Direttiva ha focalizzato l’attenzione sulle politiche volte a:

  • Semplificare le procedure e migliorare i rapporti tra P.A. ed imprese (regolamentazione dello Sportello Unico per le Attività Produttive e Segnalazione Certificata di Inizio Attività, grazie al quale, in luogo degli accertamenti d’ufficio previsti dalla DIA, sarà sufficiente uno schema di autocertificazione per l’ottenimento di ogni atto di autorizzazione, licenza, concessione per l’esercizio di attività imprenditoriale, commerciale o artigianale)
  • Sostenere l’innovazione (potenziamento disciplina del Contratto di rete quale misura a sostegno dei processi di aggregazione delle imprese, finalizzati al miglioramento della loro capacità innovativa e della competitività sui mercati, sostegno alla partecipazione delle PMI al sistema di proprietà industriale e al rafforzamento del brevetto italiano);
  • Agevolare l’accesso al credito (potenziamento del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI; moratoria sui debiti delle PMI, potenziamento del microcredito, diffusione del venture capital presso le piccole imprese innovative).