Qualifiche professionali estere: riferimenti normativi

La normativa base

         È la direttiva relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali.

 

  • Decreto Legislativo  9 novembre 2007, n.  206 come modificato dal Decreto Legislativo 28 gennaio 2016, n. 15, recante “Attuazione della Direttiva 2013/55/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, recante modifica della direttiva 2005/36/CE, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali e del Regolamento (UE) n. 1024/2012, relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno “Regolamento IMI”.

    E’ il testo del decreto legislativo di recepimento, che fa riferimento agli allegati contenuti nella Direttiva.

 

La normativa nazionale specifica

per ciascuna delle professioni (di cui all’allegato IV della direttiva e del decreto legislativo) per le quali il riconoscimento delle corrispondenti qualifiche professionali conseguite all’estero è di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico*:

* Ai sensi del d.lgs. 206/2007 il riconoscimento è di competenza di ciascuna Regione, che a tal fine deve individuare un’autorità competente. Fino al momento di tale individuazione, il riconoscimento delle qualifiche estere viene effettuato dal Ministero dello Sviluppo Economico. È pertanto interesse di chi chiede il riconoscimento verificare se la Regione dove intende svolgere l’attività abbia individuato tale autorità.




Questa pagina ti è stata utile?

NO