PMI Innovative

Le nuove misure rappresentano una vera e propria “fase 2” per il percorso avviato a fine 2012 con il varo della normativa a sostegno delle startup innovative.

Proponendosi di sostenere in modo ancora più massiccio e pervasivo la propagazione di innovazioni di tipo tecnologico all’interno del tessuto produttivo nazionale, il Decreto Legge 3/2015 (Investment Compact), convertito con modificazioni dalla Legge 33/2015, ha assegnato larga parte delle misure già previste a beneficio delle startup innovative a una platea di imprese potenzialmente molto più ampia: le PMI innovative, vale a dire tutte le piccole e medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, a prescindere dalla data di costituzione, dall’oggetto sociale e dal livello di maturazione.

Le piccole e medie imprese rappresentano la spina dorsale del sistema economico e produttivo nazionale. La “svolta espansiva” impressa dall’Investment Compact rappresenta pertanto un’evoluzione logica e ineludibile per una politica industriale che attraverso lo sviluppo tecnologico intende promuovere la crescita sostenibile e la diffusione di una nuova cultura imprenditoriale più incline ad attingere dal mondo della ricerca e dell’università e ad aprirsi ai flussi internazionali di capitale umano e finanziario.

 

Relazione annuale

 

Schede di sintesi e presentazioni

 

Normativa

 

Pareri e circolari

 

Modulistica e guide

 

Altri riferimenti utili

 

Contatti

Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le PMI
Divisione VII PMI, startup innovative e reti d’impresa
Ministero dello Sviluppo Economico
Via Molise 2, 00187 Roma
e-mail: pminnovative@mise.gov.it

Ultimo aggiornamento: 23 giugno 2016 


Questa pagina ti è stata utile?

NO