Il servizio postale universale

I servizi garantiti ai cittadini attraverso la società Poste Italiane (Servizio Postale Universale)

Il servizio universale è affidato a Poste Italiane S.p.A. fino al 30 aprile 2026 e soggetto a verifiche quinquennali da parte del Ministero sul livello di efficienza nella fornitura del servizio.
Al fine di garantire la coesione sociale, senza discriminazioni tra gli utenti, Poste Italiane è obbligata ad erogare su tutto il territorio nazionale il servizio postale base (universale):

  • Raccolta, trasporto, smistamento e distribuzione di invii postali fino a 2 Kg
  • Raccolta, trasporto, smistamento e distribuzione di pacchi postali fino a 20 Kg
  • I servizi relativi agli invii raccomandati ed agli invii assicurati

Poste Italiane Spa è una società per azioni a partecipazione pubblica. I diritti dell'azionista sono esercitati dal Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 

Contratto di programma 2015 - 2019 

Il Ministro dello sviluppo economico e l’amministratore delegato di Poste Italiane hanno firmato il 15 dicembre 2015 il contratto di programma 2015-2019 che regola i rapporti tra lo Stato e la società per la fornitura del servizio postale universale.

Il contributo per l’onere del servizio postale universale è pari a 262,4 milioni all’anno e viene erogato entro il 31 dicembre di ciascun anno di vigenza del contratto, con cadenza mensile.

 

Notificazioni degli atti giudiziari e delle multe

La Legge 2017 per il mercato e la concorrenza (art.1, comma 57 lett. b) abroga, a decorrere dal 10 settembre 2017, l’art.4 del d.lgs.261/1999 concernente l’affidamento in esclusiva al fornitore del servizio universale (Poste Italiane S.p.a.) dei servizi inerenti le notificazioni di atti giudiziari e di multe.

Il decreto ministeriale che definisce le procedure per il rilascio delle licenze speciali per i servizi postali relativi alle notifiche degli atti giudiziari e delle multe previste dal codice della strada attuativo della delibera Agcom n.77/18/CONS, firmato dal Ministro il 19 luglio 2018, è stato trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione.

Dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale verrà fornita la modulistica per la presentazione delle domande.

 

 

Ultimo aggiornamento: 24 luglio 2018

 


Ufficio competente

Questa pagina ti è stata utile?

NO