Divisione III - Accesso dei beni italiani nei mercati esteri e difesa commerciale delle imprese

Dirigente Dott.ssa DE STRADIS Gabriella
Viale Boston, 25 00144 Roma
(+39) 06 5993 2478

Competenze

  • Gestione degli strumenti di difesa commerciale a livello di Unione Europea (antidumping, antisowenzione, misure di salvaguardia)
  • Attività a tutela dei settori produttivi nazionali colpiti da misure di difesa commerciale nei Paesi terzi, con relativa assistenza tramite le associazioni rappresentative delle imprese
  • Valorizzazione e tutela, nell'ambito della dimensione esterna europea, del "Made in Italy" e contrasto all'uso di indicazioni fuorvianti per il consumatore (italian sounding). Attività relative all'adozione dell'etichettatura di origine sui beni
  • Attività di coordinamento con le pubbliche amministrazioni e le associazioni rappresentative delle imprese in materia di regole di origine e marchio di origine come previsto dall'articolo IX dell'accordo GATT 1947
  • Attività funzionali all'accesso ai mercati esteri dei prodotti italiani e partecipazione al Comitato Consultivo per l'Accesso al Mercato (MAAC) costituito presso la Commissione Europea
  • Attività di coordinamento nazionale sugli ostacoli al commercio dei beni italiani nei Paesi terzi, ad esempio in materia sanitaria, fitosanitaria, di barriere tecniche e convergenza regolamentare degli standard, di regole di origine, ecc
  • Attività di coordinamento e di indirizzo - in collaborazione con l'apposita unità organizzativa dell'ICE- Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - dei Desk anticontraffazione e assistenza sugli ostacoli al commercio per la parte relativa alle barriere non tariffarie, analisi delle stesse barriere e attività giuridica e diplomatica di contrasto
  • Concorso alla elaborazione, in sede di Unione Europea, ed attuazione, sul piano nazionale di specifiche politiche settoriali, quali ad esempio tessile ed abbigliamento, calzature, acciaio e metalli, energia, per gli aspetti aventi rilevanza sugli scambi con l'estero, nonché degli strumenti per la loro gestione
  • Partecipazione al competente Comitato consultivo consiliare dell'Unione Europea "STIS - Steel textiles industial sectors"
  • Rilascio di autorizzazioni di importazione ed esportazione e di documenti di vigilanza, anche nell'ambito di contingenti quantitativi o tariffari nei settori merceologici di competenza, ad eccezione dei beni agroalimentari e CITES
  • Adozione dei certificati, predisposti dalle competenti Camere di Commercio, inerenti l'esportazione in USA di prodotti siderurgici contenenti nichel, attestanti l'assenza di nichel o ossido di nichel di origine cubana (Accordo Italia - U.S.A. del 6.01.1982)
  • Partecipazione ai negoziati dell'Unione Europea con i Paesi terzi nelle materie di competenza
  • Attuazione della disciplina del traffico di perfezionamento passivo economico nel settore tessile e rilascio delle relative autorizzazioni
  • Partecipazione in sede di Consiglio dell'Unione Europea al Comitato "Questioni Commerciali" competente nella redazione dei regolamenti in materia di politica commerciale
  • Partecipazione in sede multilaterale (Organizzazione Mondiale del Commercio) ai negoziati relativi alla elaborazione di strumenti normativi in materia di difesa commerciale