Misure restrittive e sanzioni – Embarghi

Documentazione divulgativa – I soli testi normativi facenti fede sono quelli pubblicati nelle versioni cartacee delle Gazzette Ufficiali

L’Art. 215 del Trattato di Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) fornisce la base legale per l’interruzione o la riduzione, parziale o completa, delle relazioni economiche e finanziarie dell’UE con uno o più paesi terzi, laddove tali misure restrittive siano necessarie per raggiungere gli obiettivi della Politica Estera e di Sicurezza Comune (PESC).

La seguente lista, che elenca le misure restrittive dell’UE in vigore al 17 gennaio 2017, viene costantemente aggiornata - esclusivamente in lingua inglese - dal Servizio per gli strumenti di politica estera della Commissione Europea, che la rende disponibile all’indirizzo: http://eeas.europa.eu/cfsp/sanctions/docs/measures_en.pdf

Tale lista include:

  • le misure legislative basate sull’art. 215 del TFUE e quelle basate sui relativi provvedimenti del Trattato che istituisce l’UE (negli anni precedenti il 1° dicembre 2009: Artt. 60 e 301):
  • le relative Decisioni PESC e (prima del 1° dicembre 2009) le Posizioni Comuni, comprese quelle che prevedono puramente misure per cui non è stato emesso alcun specifico Regolamento, quali le restrizioni sull’ammissione.

Secondo la legislazione dell’Unione, i Regolamenti sono direttamente applicabili in tutti gli Stati Membri UE. Hanno un’applicazione generale e sono cogenti nella loro interezza. Le Restrizioni UE hanno la precedenza sulle misure configgenti di uno Stato Membro.

Con alquante eccezioni, tale lista non comprende:

  • misure decise nel quadro della Cooperazione Politica Europea (prima del novembre 1993);
  • restrizioni non attuate tramite una Decisione PESC, una Posizione Comune PESC o un Regolamento UE basato sugli Articoli dei Trattati, di cui sopra;
  • decisioni UE sulla sospensione o la cessazione di accordi bilaterali conclusi dall’UE;
  • decisioni UE sulla sospensione o la cessazione della cooperazione tra l’UE e un paese terzo.

Tale lista non comprende neppure la legislazione o altre misure che uno Stato Membro dell’UE potrebbe prendere in risposta a Decisioni PESC e a Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Le Decisioni PESC ed i Regolamenti UE di questa lista sono in inglese. Vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE (GUUE) in tutte le lingue ufficiali dell’Unione Europea, tranne il gaelico irlandese, e tutte le versioni pubblicate sono autentiche. Pertanto, qualora si desiderasse leggere un regolamento o una decisione in italiano piuttosto che in inglese, dopo aver lanciato in internet la ricerca ed essere giunti sulla GUUE, si potrà cliccare sulla singola lingua prescelta, indicata nella pagina della Gazzetta, sotto il titolo del regolamento o della decisione.

Per le Decisioni PESC ed i Regolamenti UE pubblicati dopo la sopra menzionata data del 15 gennaio 2016, consultare direttamente la GUUE:

Gazzetta ufficiale europea - GUUE

GUUE - ricerca (link utile per la ricerca).

Servizio Europeo per l’Azione Esterna, che produce il sopra menzionato documento inerente le vigenti restrizioni UE verso Paesi Terzi:

------------------------------------------------------------

PAESI:

  • AFGHANISTAN:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • BIELORUSSIA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • BIRMANIA/MYANMAR:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • BOSNIA ERZEGOVINA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • COREA DEL NORD:
    vedi la sezione “Restrizioni europee verso la Corea del Nord” della Pagina Dual Use di questo sito
  • CONGO (REPUBBLICA DEMOCRATICA):
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • COSTA D'AVORIO:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • CRIMEA E SEBASTOPOLI:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee verso la Crimea" della pagina Dual Use di questo sito.
  • EGITTO:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • ERITREA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • GUINEA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • HAITI:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • IRAN:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee verso l'Iran" della pagina Dual Use di questo sito.
  • IRAQ:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • LIBANO:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • LIBERIA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • LIBIA:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee verso La Libia" della pagina Dual Use di questo sito
  • MOLDOVA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force
  • RUSSIA:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee verso la Fed. Russa" della pagina Dual Use di questo sito.
  • SIRIA:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee verso la Siria" della pagina Dual Use di questo sito.
  • SOMALIA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force.
  • SUDAN:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force.
  • SUDAN MERIDIONALE:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force.
  • TUNISIA:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force.
  • UCRAINA:
    Vedi la sezione: "Restrizioni europee relative ad azioni che compromettono o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina e nei confronti di talune persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Ucraina", della pagina Dual Use di questo sito.
  • ZIMBABWE:
    vedi apposita sezione del documento EU Restrictive Measures In Force

------------------------------------------------------------

CONTATTI

Ministero dello Sviluppo Economico -
Direzione Generale per la Politica Commerciale Internazionale
Divisione IV
Viale Boston, 25 – 00144 Roma
e-mail: polcom4@mise.gov.it
Tel. + 39 06 5993 2439
Telefax + 39 06 5964 7506

Si comunica che qualsiasi tipo d’informazione verrà fornita telefonicamente dalle ore 11 alle ore 13 del martedì, mercoledì, giovedì.

------------------------------------------------------------

LINK DI INTERESSE

www.esteri.it/MAE/EN/Politica_Europea/Deroghe.htm

www.consilium.europa.eu

www.europa.eu/legislation_summaries/external_trade

www.beniculturali.it

http://www.tesoro.it/

www.difesa.it

www.agenziadogane.it



Questa pagina ti è stata utile?

NO