Voucher per l'internazionalizzazione - 2017

Con decreto del Direttore Generale per le politiche internazionalizzazione e la promozione degli scambi del 18 settembre 2017sono state definite le modalità operative e i termini per la richiesta e concessione dei “Voucher per l’internazionalizzazione”, finalizzati a sostenere le PMI e le reti di imprese nella loro strategia di accesso e consolidamento nei mercati internazionali con circa 38 milioni di risorse stanziate, ai sensi del DM 17 luglio 2017 e smi, ulteriormente incrementate per un importo di 10 milioni riveniente dal decreto interministeriale 19 febbraio 2018 art. 1 comma 1 lett. i).

Al momento non è più possibile presentare domanda di accesso alle agevolazioni.

Nella sezione “Normativa e moduli” di questo sito, vengono forniti alle imprese interessate ulteriori indicazioni e precisazioni in ordine ai criteri ed alle modalità di accesso allo strumento e di erogazione delle agevolazioni.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l'help desk alla mail exportvoucher@mise.gov.it

SCHEDA INFORMATIVA:

Finalità: L’intervento consiste in un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher, in favore di tutte quelle PMI che intendono guardare ai mercati oltreconfine attraverso una figura specializzata (il cd. Temporary Export Manager o TEM) capace di studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri.

Beneficiari: micro, piccole e medie imprese (PMI), costituite in qualsiasi forma giuridica, e le Reti di imprese tra PMI, che abbiano conseguito un fatturato minimo di 500 mila euro nell’ultimo esercizio contabile chiuso. Tale vincolo non sussiste nel caso di Start-up iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, di cui art. 25 comma 8 L.179/2012.

Due tipologie di agevolazioni:

Voucher “early stage”:

Voucher di importo pari a 10.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 13.000 al netto di IVA.
Il contratto di servizio, stipulato con uno dei soggetti iscritti nell’elenco società di TEM del Ministero, dovrà avere una durata minima di 6 mesi.
Il voucher è pari a 8.000 euro per i soggetti già beneficiari a valere sul precedente bando (DM 15 maggio 2015).

Voucher “advanced stage”:

Voucher di importo pari a 15.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 25.000 al netto di IVA.

Il contratto di servizio, stipulato con uno dei soggetti iscritti nell’elenco società di TEM del Ministero, dovrà avere una durata minima di 12 mesi.

È prevista la possibilità di ottenere un contributo aggiuntivo pari a ulteriori euro 15.000 a fronte del raggiungimento dei seguenti obiettivi in termini di volumi di vendita all’estero:

  • incremento del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri registrato nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, rispetto al volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri conseguito nel 2017, deve essere almeno pari al 15% (relativamente alle imprese risultate assegnatarie delle agevolazioni con decreto di scorrimento del 09/05/2018, il periodo da considerarsi ai fini della valorizzazione dei parametri su indicati, va dal 01/07/2018 al 30/09/2019);
  • incidenza percentuale del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri sul totale del volume d’affari, nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, deve essere almeno pari al 6%(relativamente alle imprese risultate assegnatarie delle agevolazioni con decreto di scorrimento del 09/05/2018, il periodo da considerarsi ai fini della valorizzazione dei parametri su indicati, va dal 01/07/2018 al 30/09/2019).

Trasmissione delle richieste di erogazione:

Le imprese assegnatarie del voucher che hanno perfezionato la trasmissione del contratto di servizio, possono trasmettere, entro i termini stabiliti dalla normativa di riferimento, la richiesta di erogazione corredata dai relativi allegati, attraverso l’apposito portale reso disponibile al seguente link https://attuazionedgiai.mise.gov.it.

La procedura di registrazione al suddetto portale, che non prevede l’utilizzo della Carta nazionale dei servizi, richiede esclusivamente l’inserimento del codice fiscale dell’impresa assegnataria del voucher alla cui PEC saranno poi trasmesse le relative credenziali per l’accesso.

Di seguito è possibile scaricare l’apposito manuale di supporto alla trasmissione della richiesta di erogazione.

Informazioni e contatti

Informazioni in merito allo strumento possono essere richieste scrivendo a: exportvoucher@mise.gov.it
Le richieste di chiarimenti pervenute, al fine di velocizzare i tempi di risposta e rendere più fruibile ed efficace l’assistenza fornita, sono via via organizzate per ambiti tematici di riferimento e riscontrate attraverso la predisposizione e pubblicazione di FAQ (Frequently Asked Questions).

Di seguito i recapiti telefonici per l'helpdesk amministrativo:
06 5993 2628
(lun-gio 9.30 – 16.30;  ven. 9.30-14.30)

Normativa e moduli



Questa pagina ti è stata utile?

NO