sito del ministero dello sviluppo economico

INFORMATIVA

Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione accetti di riceverli. Per saperne di piu'

OK

ZFU Convergenza e Carbonia Iglesias

Il decreto 10 aprile 2013 del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, ha previsto la concessione di agevolazioni, sotto forma di esenzioni fiscali e contributive, in favore di imprese di micro e piccola dimensione localizzate nelle Zone Franche Urbane dell’Obiettivo Convergenza, nonché nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias ai quali le misure agevolative sono applicate sperimentalmente nell'ambito dei programmi di sviluppo e degli interventi compresi nell’accordo di programma “Piano Sulcis”.

La circolare 30 settembre 2013 n. 32024, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2013, fornisce chiarimenti in merito alla tipologia, alle condizioni, ai limiti, alla durata e alle modalità di fruizione delle agevolazioni fiscali e contributive previste dal suddetto decreto, al fine di portare a conoscenza di tutti i soggetti interessati le modalità di funzionamento dell’intervento.

Con decreto 21 gennaio 2014 sono state apportate modifiche e integrazioni al decreto interministeriale del 10 aprile 2013 al fine di consentire l'applicazione delle agevolazioni fiscali anche alle Zone Franche Urbane ricadenti nel territorio della Regione Puglia.

Con appositi bandi, emanati dal Ministero dello sviluppo economico, vengono adottate le disposizioni di attuazione dell’intervento, che includono il modello di istanza per la richiesta delle agevolazioni e le indicazioni circa le modalità e i termini di presentazione della medesima istanza. I singoli bandi possono riguardare una o più Zone Franche Urbane.


FAQ

immagine decorativa Domande più frequenti

 

Modalità di fruizione delle agevolazioni

La fruizione delle agevolazioni potrà avvenire con le modalità e nei  termini indicati con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate di cui all’art. 15, comma 1, del decreto 30 aprile 2013, pubblicato nel sito dell' Agenzia delle entrate.

Il codice tributo per l'utilizzo delle agevolazioni per la Zona Franca Urbana dei Comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias è istituito con Risoluzione n. 51 del 13/05/14

Il codice tributo per l'utilizzo delle agevolazioni per la Zona Franca Urbana dei Comuni delle Regioni Campania e Calabria è istituito con Risoluzione n. 59/E del 09/06/2014.

Il codice tributo per l'utilizzo delle agevolazioni per le Zone Franche Urbane della Regione Siciliana è istituito con Risoluzione n. 65/E del 23 giugno 2014.

Il codice tributo per l'utilizzo delle agevolazioni per le Zone Franche Urbane della Regione Puglia è istituito con Risoluzione n. 69/E del 4 luglio 2014

 

Modalità di fruizione delle agevolazioni per soci delle società trasparenti e per i collaboratori/coadiuvanti delle imprese familiari

Al fine di consentire la fruizione dell’esenzione delle imposte sui redditi anche ai soci delle società “trasparenti”, nonché, ai collaboratori/coadiuvanti  di imprese familiari  come indicato nella circolare n.39/E del 24 dicembre 2013 dell’Agenzia dell’Entrate, le imprese interessate potranno indicare i dati identificativi di ciascun socio e/o collaboratore/coadiuvante  compreso il relativo codice fiscale, accedendo al portale “Attuazione Misure DGIAI” (https://attuazionedgiai.mise.gov.it) nella sezione dedicata “Comunicazioni soggetti fruitori”. Detta sezione è accessibile dopo aver selezionato l’area del portale “Attuazione Misure” e la Zona Franca Urbana di pertinenza.
Il modulo, predisposto seguendo la compilazione guidata, dovrà essere scaricato, firmato digitalmente da parte del legale rappresentante dell’impresa beneficiaria e infine inviato tramite lo stesso portale seguendo le istruzioni riportate nel “Manuale Utente Attuazione Misure”.
Tutti i documenti inviati tramite il sistema “Attuazione Misure DGIAI” rappresentano comunicazioni ufficiali tra le imprese e il Ministero.
Per utilizzare l'agevolazione attraverso il modello F24, oltre a  seguire  le istruzioni già rese note dall'Agenzia delle Entrate, i soci e i collaboratori/coadiuvanti dovranno  indicare il proprio codice fiscale ed i relativi dati anagrafici nella  sezione "contribuente" del modello F24; il codice fiscale della società  beneficiaria dell'agevolazione dovrà essere indicato nel campo  denominato "Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o  curatore fallimentare" e nel campo successivo, denominato "codice  identificativo", dovrà essere indicato il codice 62.

 

Variazioni dati anagrafici delle imprese beneficiarie delle agevolazioni previste dalla ZFU

Le operazioni straordinarie, ove determinino cambiamenti nella soggettività e nei dati comunicati dall’impresa beneficiaria, nell’istanza di accesso alle agevolazioni di cui al decreto interministeriale 10 aprile 2013, devono essere comunicate con Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445,  firmate digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa, inviate tramite il portale “Attuazione Misure DGIAI” (https://attuazionedgiai.mise.gov.it) , accedendo alla sezione dedicata “Comunicazioni varie” e seguendo le istruzioni riportate nel “Manuale Utente Attuazione Misure”. Detta sezione è accessibile dopo aver selezionato l’area del portale “Attuazione Misure” e la Zona Franca Urbana di pertinenza.
Per inoltrare le comunicazioni inerenti i Cambiamenti nella soggettività (es. variazione del codice fiscale del soggetto beneficiario, variazione della compagine sociale, ecc...), l’impresa selezionerà dal menù a tendina, la tipologia di documento “Variazioni societarie”; per le variazioni intervenute nei Dati indicati in istanza di accesso alle agevolazioni (es. variazione della sede), nonché in caso di eventuale Perdita dei requisiti di mantenimento delle agevolazioni (es. cessazione di attività, messa i stato di liquidazione, ecc...), l’impresa selezionerà dal menù a tendina, la tipologia di documento “Variazioni progetto agevolato”.
Tutti i documenti inviati tramite il portale “Attuazione Misure DGIAI” rappresentano comunicazioni ufficiali tra le imprese ed il Ministero.

 

Rinuncia alle agevolazioni ZFU

La rinuncia alle agevolazioni di cui al decreto interministeriale 10 aprile 2013, deve essere comunicata con Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio (ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445), e inviata tramite il portale “Attuazione Misure DGIAI” (https://attuazionedgiai.mise.gov.it) , accedendo alla sezione dedicata “Comunicazioni varie”, selezionando la tipologia documento “Rinuncia” e seguendo le istruzioni riportate nel “Manuale Utente Attuazione Misure”.
Detta sezione è accessibile dopo aver selezionato l’area del portale “Attuazione Misure” e la Zona Franca Urbana di pertinenza.

 

Bandi

  • Zona Franca Urbana dei Comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias:
    Termini per la presentazione delle istanze: 7 gennaio 2014 ore 12,00 - 7 aprile 2014 ore 12,00.
  • Zone franche urbane della Regione Calabria:
    Termini per la presentazione delle istanze: 7 febbraio 2014 ore 12,00 - 28 aprile 2014 ore 12,00. Attenzione: il termine finale di presentazione delle domande è stato prorogato alle ore 12 del 30 aprile 2014.
  • Zone franche urbane della Regione Campania:
    Termini per la presentazione delle istanze: 7 febbraio 2014 ore 12,00 - 28 aprile 2014 ore 12,00. Attenzione: il termine finale di presentazione delle domande è stato prorogato alle ore 12 del 30 aprile 2014.
  • Zone franche urbane della Regione Siciliana:
    Termini per la presentazione delle istanze: 5 marzo 2014 ore 12,00 – 23 maggio 2014 ore 12,00
  • Zone franche urbane della Regione Puglia:
    Termini per la presentazione delle istanze: 24 aprile 2014 ore 12,00 – 12 giugno 2014 ore 12,00

Oneri informativi


Mappe ZFU

Per verificare quali sono le porzioni di territorio comprese nelle Zone Franche Urbane, di seguito, vengono fornite le relative rappresentazioni cartografiche, accessibili attraverso la community ArcGIS-Online.

Tali mappe hanno valore esclusivamente indicativo. Esse sono state predisposte al fine di consentire, alla maggioranza degli utenti, un rapido riscontro in merito alla localizzazione dell’indirizzo dell’ufficio/locale aziendale all’interno della ZFU.

Tuttavia, in casi particolari e, soprattutto, per le imprese localizzate lungo il perimetro di confine della ZFU, le predette cartografie non forniscono risposte certe in ordine alla localizzazione dell’impresa dentro la ZFU. In tali casi, in cui può assumere rilevanza non solo la strada ma anche il numero civico della sede aziendale, l’impresa dovrà necessariamente rivolgersi ai competenti uffici del Comune per ottenere una indicazione precisa sulla localizzazione o meno dell’impresa dentro la ZFU.

Perimetrazione delle Zone franche urbane della Regione Calabria
Perimetrazione delle Zone franche urbane della Regione Campania
Perimetrazione delle Zone franche urbane della Regione Siciliana (Non sono rappresentate l’area industriale del Comune di Termini Imerese, individuabile nel vigente Piano Regolatore del Comune e tutto il territorio comunale di Lampedusa e Linosa)
Perimetrazione delle Zone franche urbane della Regione Puglia

N.B. Si precisa che la cartografia delle sezioni 2001, sulla base delle quali le ZFU sono state definite, è quella realizzata dall’ISTAT nel 2001 esclusivamente ai fini statistici delle operazioni censuarie.


Procedura informatica per la predisposizione e l’invio delle istanze per la richiesta delle agevolazioni

Per presentare le istanze di accesso alle agevolazioni, le imprese dovranno collegarsi al sistema "AgevolazioniDGIAI" al link https://agevolazionidgiai.invitalia.it, procedere alla registrazione e seguire la procedura guidata di compilazione dell’istanza.

Si evidenzia che la procedura non è a sportello e quindi l’ordine temporale di presentazione delle istanze non determina alcun vantaggio né penalizzazione nell’iter di trattamento delle stesse. Ai fini dell’attribuzione delle agevolazioni, le istanze presentate nel primo giorno utile saranno trattate alla stessa stregua di quelle presentate fino all’ultimo giorno. Si invitano, pertanto, le imprese interessate a non affrettare i tempi per l’invio dell’istanza, anche al fine di evitare errori nella compilazione della stessa.

Per registrarsi al sistema AgevolazioniDGIAI occorre che l'impresa sia regolarmente iscritta al Registro delle Imprese e abbia preventivamente comunicato allo stesso un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (indirizzo PEC) ai sensi dell'art 16 del decreto-legge 185 del 2008 e dell'art. 5  del decreto-legge n. 79 del 2012.

L’indirizzo PEC come risulta presso il Registro delle Imprese, sarà utilizzato in fase di registrazione dell’impresa per la trasmissione delle credenziali informatiche per l’accesso al sistema.

Tale indirizzo PEC è consultabile  pubblicamente al link http://www.registroimprese.it/iscrizione-pec-pratica-semplice-#page=page-1&tab=page-1&under-tab=impresa_individuale per le imprese individuali e al link http://www.registroimprese.it/iscrizione-pec-pratica-semplice-#page=page-1&tab=page-1&under-tab=societa per le società.


Informazioni e contatti

Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali- Divisione XI- Interventi di sostegno all’innovazione e nel settore del commercio     
e-mail: info.zfu@mise.gov.it

Attenzione: al fine di assicurare agli utenti la ricezione delle risposte ai quesiti, si prega di inviare le richieste tramite mail e di evitare l’utilizzo di PEC.

 

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2016

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva