Verbale di incontro - AST di Terni

In data 18 Settembre 2018 si è tenuto un incontro relativo alla situazione della AST di Terni. Alla riunione presieduta dal Vice Capo di Gabinetto, Ing. Sorial e dal Dr. Castano Resp. UGV del Mise, hanno partecipato i Rappresentati della Regione Umbria, la Presidente Marini, il Vice Presidente Paparelli, il Dr. Rossetti, il Dr. Andrielli, il Dr. Arcuti, il Vice Sindaco del Comune di Terni Giuli, i Rappresentanti dell’Azienda Ast, A.D. Dr. Burelli, il Responsabile Relazioni Esterne Dr. Camiglieri, il Responsabile Relazioni Esterne Thyssen Krupp Mr. Sauer, le OOSS Nazionali e Territoriali FIM-CISL, FIOM-CGIL, UILM-UIL, USB, UGL Met., Fismic, Federmanager, Cisl, nonché le RSU.

Il Dr. Castano introducendo la riunione, ha invitato il Dr. Burelli e successivamente Mr. Sauer ad informare i presenti, in merito alla situazione di AST, in particolare ha chiesto di chiarire le notizie in merito alla intenzione già comunicata dalla Tyssen Krupp di non considerare strategico il sito Terni ed il segmento acciai speciali. Il Dr. Castano ha confermato che il contatto con AST è continuo e c’è una vita di relazioni sindacali attiva, è comunque necessario conoscere il futuro di AST. Al tavolo è presente l’ing. Sorial Vice Capo di Gabinetto, che rappresenta il Ministro Di Maio.

Il Dr. Burelli ha chiarito che l’anno fiscale ancora è aperto, quindi non è al momento in grado di fornire elementi di dettaglio perché l’anno fiscale è in corso, si è quindi dichiarato disponibile a fornire informazioni in merito al “ trend “ e per quanto riguarda notizie circa la strategicità del sito, ha passato la parola a Mr. Sauer.

Mr. Sauer ha comunicato che negli anni si sono sviluppati rapporti positivi con il Mise, le OOSS e le Istituzioni locali, l’andamento di AST è stato molto positivo e l’azienda è stata rimossa dalla lista delle aziende in crisi. Mr. Sauer ha poi chiarito che nell’estate si è dimesso il CEO Hiesinger ed il Presidente del Comitato di Sorveglianza, Mr. Lehmer. Il nuovo CEO, Mr. Kerkhoff ha dato mandato al Comitato di Sorveglianza di proseguire il percorso già intrapreso dai precedenti in continuità, fornendo le cifre relative alla trimestrale ed al target 2020/2021, nel frattempo si sta cercando il successore al ruolo di Presidente del Comitato di Sorveglianza Gruppo Thyssen. Mr. Sauer ha confermato quanto già dichiarato in precedenza, ovvero che AST non è asset strategico, ma allo stesso tempo non ci sono intenzioni di nessun tipo di avviare il processo di vendita e questo è particolarmente vero, visto l’andamento positivo dell’Azienda negli ultimi anni. Allo stesso tempo AST opera in un ambiente molto competitivo che è sensibile alle notizie, quindi ha chiesto di prestare molta attenzione alla loro diffusione, al fine di non danneggiare né l’azienda né i lavoratori. Mr. Sauer ha quindi chiesto di agire in modo responsabile ed ha assicurato che il comportamento del Gruppo rimarrà improntato su criteri di trasparenza ed apertura, come avvenuto in passato, niente è cambiato rispetto alla linea indicata dal precedente Cda..

Il Dr. Castano ha ringraziato per le precisazioni. Il Dr. Burelli ha chiarito che si opera in un contesto sfidante, anche dovuto alla istituzione di dazi negli Stati Uniti. Dal punto di vista operativo, AST è in linea con gli obiettivi di “budget” anche per l’acciaio liquido, si parlava infatti di una produzione di un 1 ml tons, l’obiettivo verrà superato, passando a 1,2 ml tons, il flusso di cassa sarà positivo e le performance sulla sicurezza registrate sono in miglioramento, AST sta lavorando per raggiungere l’obiettivo di zero infortuni- Il Progetto di recupero delle scorie si è chiuso dopo un lungo percorso di selezione, e a breve inizierà il lavoro di progettazione e realizzazione dell’impianto. Con riferimento agli investimenti inoltre, il Dr. Burelli ha precisato che l’azienda nel quadriennio, ha superato l’obiettivo dei 170 ml di Euro (arrivando a 191 ml di Euro).

Le OOSS hanno ringraziato il Mise per avere organizzato l’incontro, ma hanno espresso forte preoccupazione per la conferma di non strategicità di AST da parte di Thyssen, questo in contrasto con i risultati positivi che l’azienda ha avuto. Le OOSS hanno chiesto una interlocuzione stretta anche in merito al piano industriale ed hanno confermato l’importanza degli investimenti continui per preservare la competitività aziendale. Hanno rimarcato il tema della sicurezza, che pur migliorando, grazie all’abbassamento dell’indice, non è sufficiente dati i gravi episodi che sono avvenuti.

La Presidente Marini ha ringraziato per la continuità del tavolo, ma ha ricordato che anche attraverso lettere inviate al Capo del Governo ed al Ministro di Maio, la Regione Umbria non vuole essere corresponsabile di scelte non condivise su AST che portino alla perdita dell’occupazione, anche ricordando la battaglia condotta nel recente passato, conclusasi nell’accordo del 2014 . La Presidente Marini ha chiesto inoltre che venga portata avanti una interlocuzione a livello più alto con l’Azienda per conoscere le reali intenzioni del destino di AST, prima che le decisioni siano prese, destano infatti forti preoccupazioni le affermazioni che AST sia considerata un “asset” non strategico, seppure in presenza di buoni risultati. La Presidente Marini ha chiesto di voler conoscere le prospettive di AST in modo chiaro.

In conclusione l’Ing. Sorial ha chiarito che si tratta di un intervento di aggiornamento, l’obiettivo è di proseguire su questo percorso di verifica dalla situazione, al fine di aggiornarsi sugli sviluppi, questa metodologia può portare a risultati costruttivi per la salvaguardia dei livelli occupazionali, c’è la volontà da parte di tutti di andare in questa direzione. L’affermazione odierna, ha continuato il Vice Capo di Gabinetto, che ha confermato la non strategicità di AST, già comunicata nell’ultimo anno e mezzo, porta a dire che bisogna proteggere i nostri settori e visto che la situazione si sta protraendo, l’obiettivo del Mise è di prendersi in carico la vicenda e dare segnali forti . L’ing. Sorial ha suggerito di convocare un tavolo di aggiornamento, considerato il cambio di guardia in Azienda, ritenendo necessario rivedersi per la verifica del piano industriale e degli investimenti.

Il Dr. Castano in conclusione, ringraziando le Parti per la presenza, ha evidenziato che le affermazioni fatte nel corso della riunione odierna, non sono diverse da quelle già conosciute e questo è un fatto di cui tener conto in quanto una interlocuzione vera sulla cessione non è stata ancora avviata. Questa è comunque un’azienda che produce utili ed è in grado di essere messa sul mercato in modo attraente, anche grazie allo sforzo che é stato compiuto nel recente passato dai lavoratori e dagli azionisti, con un accordo molto difficile tra azienda e sindacato. L’asset è stato nuovamente dichiarato non strategico, ma non è ancora iniziato il processo di vendita. Per questo la situazione verrà seguita molto da vicino, al fine di fare in modo che l’azienda giochi un ruolo da leader nel settore, e per questo il confronto proseguirà nei tempi giusti. E’ necessario avviare un confronto rapido, anche per la questione ambientale, che è molto importante ed urgente. Il tavolo verrà quindi aggiornato non appena vi saranno ulteriori elementi, la situazione viene seguita dal Mise con grande attenzione.

 

 

 

 

 

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO