Verbale di incontro - Società Richard Ginori

Il 23 maggio 2018, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è svolto un incontro riguardante la società Richard Ginori. L’incontro era presieduto da Giampietro Castano del Ministero dello Sviluppo Economico e hanno partecipato la Regione Toscana, rappresentata da Gianfranco Simoncini, il Comune di Sesto Fiorentino, rappresentato dal Sindaco Lorenzo Falchi, i rappresentanti di Richard Ginori S.r.l. rappresentata da Giovanni Giunchedi assistito da Francesca Secondari, Ginori Real Estate S.p.A. in liquidazione rappresentata da Luciano Tanteri, Fabrizio Franchi e Giuseppe Guizzi, Unicoop Firenze, rappresentata da Marco Pandinelli e Franco Arizzi, Do Bank rappresentata da Francesco Primavera e Eleonora Perri, Mario D'Amico, Bnl rappresentata da Fabrizio Ludovici e Francesco Mazzitelli, Intesa San Paolo rappresentata da Scipione Betteto in conference call, istituti di credito tutti assistiti da  Antonio Grieco e Francesco Grieco.

Al termine della discussione, le parti hanno raggiunto la seguente intesa:

  • Richard Ginori e Unicoop Firenze si impegneranno all’acquisto, rispettivamente, del terreno su cui insiste lo stabilimento industriale e dei due terreni (di complessivi mq 27.000 mq circa) siti nel comune di Sesto Fiorentino:
    • al prezzo complessivo di € 9.650.000 (nove milioni e seicento cinquanta mila);
    • con termine per il perfezionamento dell’acquisto entro il 30/06/18.
  • I closing delle operazioni di acquisto da parte di Richard Ginori e Unicoop Firenze avverranno simultaneamente alle condizioni sospensive come già delineate nel dettaglio ai sensi della proposta di acquisto presentata nel dicembre 2017 che saranno modificate tenendo conto che:
    • Richard Ginori si dovrà fare carico della sanatoria di alcuni aspetti amministrativi che saranno elencati nel dettaglio nella fase post-vendita;
    • Il credito di Trigono nei confronti di GRE sia acquistato da Richard Ginori e saldato contestualmente al closing dell’operazione di compravendita dell’immobile per un prezzo pari a Euro 204.000;
    • RE e le Banche finanziatrici raggiungeranno un accordo a saldo e stralcio di tutte le posizioni debitorie mediante pagamento di un importo  pari al suddetto
      prezzo di acquisto aumentato di almeno ulteriori Euro 1.450.000, fermo restando l’impegno a versare alle banche finanziatrici anche l’ulteriore saldo attivo della residua liquidazione di cui al punto seguente. In tale contesto, le banche finanziatrici sia cancelleranno, con le modalità tecniche del caso, la garanzia ipotecaria, sia rinunceranno alle altre garanzie prestate da Trigono ed altri soggetti ad essa riferibili;
    • Ove l’operazione sia effettivamente conclusa entro il 30 giugno 2018, Richard Ginori non corrisponderà la somma di cui  al canone di locazione di giugno.
  • Ginori Real Estate S.p.A. si impegnerà a rimborsare al ceto bancario la cassa a oggi disponibile in una misura comunque non inferiore a € 1.450.000  (con contestuale sottoscrizione dell’accordo transattivo, abbandono dell’intero contenzioso in essere, compresa la procedura esecutiva pendente e svincolo delle somme pignorate, e con impegno a versare tutto l’ulteriore attivo di cassa fino alla chiusura della liquidazione al netto delle spese di gestione e il compenso dei liquidatori) e a fare tutto quanto necessario per arrivare nei tempi previsti al perfezionamento dell’operazione;

  • Il ceto bancario così come Richard Ginori, Unicoop e GRE, come sopra rappresentati nel corso dell’incontro odierno, esprimono accordo sulla proposta sopra delineata riservandosi di e, impegnandosi a, sottoporlo ai propri organi decisionali e ad avviare immediatamente le attività propedeutiche alla stipula degli accordi definitivi in sede notarile.
  • Il Comune, in questo quadro ha confermato l’impegno ad avviare il percorso amministrativo pubblico finalizzato a giungere alle necessarie modifiche degli strumenti urbanistici. Il Sindaco ha ricordato che tale procedimento risulta percorribile ove non si aggiungano significative superfici commerciali rispetto a quelle esistenti. Diversamente, gli approfondimenti tecnici, giuridici e amministrativi che sono necessari renderebbero più lungo e incerto il procedimento.


Questa pagina ti è stata utile?

NO