Verbale di incontro - Gruppo Gas Natural Italia Spa

Il 2 ottobre 2017 si è svolta la riunione di verifica riguardante il processo di cessione degli asset italiani del Gruppo Gas Natural che comprende le società: Gas Natural Italia S.p.A., Gas Natural Vendita Italia S.p.A., Nedgia S.p.A. e Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A. La riunione era presieduta da Giampietro Castano, responsabile della Struttura per le Crisi di Impresa del Ministero dello Sviluppo Economico. Hanno partecipato il Presidente della Task Force occupazione della Regione Puglia Leo Caroli, i rappresentanti dell’Azienda Javier Hernandez Sinde Presidente e Amministratore Delegato di GasNatural Italia S.p.A., Ivan Polignano direttore HR presso Gas Natural e Fabrizio Cuccovillo, responsabile relazioni industriali presso Gas Natural, assistiti da Giuseppe Bisceglie di Confindustria Puglia e dall’avv. Michele Bignami. Hanno altresì partecipato le segreterie nazionali e territoriali di FILCTEM CGIL, FEMCA CISL, UILTEC UIL, unitamente alle RSA.

In apertura, il Dr. Castano ha ricordato che la riunione è stata convocata in ottemperanza agli impegni presi nel corso dell’ultimo incontro del tavolo tecnico di confronto tra le parti svoltosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico lo scorso 25 luglio. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha ritenuto di tenere la riunione prima della convocazione del Consiglio di Amministrazione, previsto per il 3 ottobre p.v., onde poter esprimere le valutazioni generali sulle scelte che la proprietà dovrà effettuare. In particolare, il Dr. Castano ha chiesto quali caratteristiche hanno le offerte pervenute, se ci sono offerte per l’interno compendio (distribuzione, vendita e Gas Natural Italia), se ci sono offerte provenienti da fondi di investimento italiani e fondi esteri e se gli investitori che hanno fatto le manifestazioni di interesse le hanno confermate con offerte vincolanti. Il Dr. Castano si è riservato di formulare altre osservazioni nel prosieguo della riunione.

Il Dr. Hernandez ha risposto di poter solamente dire che le offerte vincolanti sono pervenute da soggetti già operanti nel settore energia. Non è in grado, o non ritiene di essere in grado, di poter dare altre informazioni prima che nella giornata di domani si riunisca il CdA che, tuttavia, sarà presumibilmente dedicato ad un primo esame delle offerte vincolanti pervenute. Un’altra informazione che il Dr. Hernandez ha ritenuto di poter dare riguarda l’occupazione; a tal proposito ha rassicurato che tutte le offerte pervenute sono in grado di soddisfare il principio della tutela occupazionale piena, ivi comprese le figure di staff leasing e interinale. Ha inoltre precisato che ci sono offerte che riguardano l’intera forza presente in Gas Natural Italia.

Le Organizzazioni Sindacali intervenute hanno sottolineato l’inadeguatezza delle risposte ricevute dai dirigenti di Gas Natural ed hanno riaffermato la necessità di essere informate prima di ogni decisione. Hanno inoltre ribadito l’opportunità che nessuna operazione preliminare riguardante il personale debba essere messa in atto, come peraltro già richiesto nel corso del precedente incontro, in particolare per quanto riguarda Gas Natural Italia che oggi conta 51 dipendenti. Infine, le OO.SS. hanno chiesto il pieno rispetto degli accordi sottoscritti e il mantenimento dei lavoratori all’interno del contratto del CCNL in essere.

La direzione di Gas Natural ha confermato l’impegno a osservare il pieno rispetto di tutti gli aspetti occupazionali, sia quantitativi che qualitativi, nell’assegnazione della società ai nuovi investitori. Ha inoltre ribadito che nessuna movimentazione di personale è in corso, né sarà messa in atto.

La Regione Puglia nel prendere atto della impossibilità odierna dei rappresentanti aziendali a rendere note le offerte vincolanti acquisite, in attesa dell’esito valutativo del Consiglio di Amministrazione, fa proprie le richieste sindacali e conferma quanto già espresso nel precedente incontro presso il MiSE circa i criteri di valutazione delle offerte: salvaguardia dei livelli occupazionali includenti la platea dei lavoratori interinali; piano industriale di consolidamento prospettico delle attività e dell’occupazione.

Il Dr. Castano ha concluso l’incontro rilevando che, anche se il management aziendale non ha potuto fornire risposte alle domande di dettaglio poste nel corso della riunione, tuttavia sono state fornite informazioni utili. Una di queste è che gli investitori che hanno presentato le offerte sono investitori che operano nel settore dell’energia (anche se non necessariamente del gas). Inoltre, l’azienda ha assicurato che non ci sono state movimentazioni di personale e, infine, di aver evidenziato ai potenziali investitori le delicate problematiche occupazionali che caratterizzano l’azienda.
Il Dr. Castano ha chiesto all’azienda di dare tempestiva informativa al Ministero dello Sviluppo Economico di quelle che saranno le decisioni che verranno prese prossimamente circa le operazioni di cessione, in modo da poter riconvocare la riunione del tavolo tecnico prima del loro esito finale.
Il Dr. Castano ha rimarcato l’importanza di una scelta razionale nella selezione delle offerte vincolanti che tenga conto di tre importanti criteri: le prospettive occupazionali, un piano industriale che offra prospettive di continuità e di crescita nel lungo periodo e certamente anche il criterio economico.
Infine, il Dr. Castano ha sottolineato che il Governo italiano ritiene molto importante che alcune offerte siano state formulate da primari operatori italiani, i quali hanno dimostrato di volersi seriamente impegnare per una soluzione positiva dei problemi generati dalla decisione di Gas Natural di volere uscire dal nostro mercato.
Il prossimo incontro è convocata in data compresa tra il 15 ed il 20 di ottobre e comunque a monte delle decisioni che l’azionista di Gas Natural intenderà assumere.

 

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO